domenica 31 maggio 2020

La Mia Intervista fatta con Lucia Esposito su "I Giovedì sera con l'Autore"

Ciao a tutti,
scusate se è un pò che non mi faccio sentire sul Blog con gli Aggiornamenti e le Recensioni, ma sono molto presa da delle nuove idee per dei romanzi che mi sono venute ultimamente.

Oggi però, desideravo assolutamente condividere con voi questo momento: un'intervista che ho fatto con Lucia Esposito, proprietaria di una Libreria a Cinisello Balsamo, che ogni giovedì tiene un'intervista con un autore/autrice... e questa settimana è toccata a me:

https://www.facebook.com/I-Gioved%C3%AC-sera-con-lAutore-115309080157338





mercoledì 19 febbraio 2020

Nuovi Punti Vendita

Nuovi Arkandara Point! In collaborazione con @libraccio_negozi sono disponibili le nostre opere Arkandara La Profezia e Arkandara Tales presso i punti vendita Libraccio di Milano Via Arconati e Via Candiani.


domenica 1 dicembre 2019

Arkandara - La Profezia e Arkandara Tales

Ciao a tutti,

da oggi sono disponibili su Amazon, sia in versione cartacea che in ebook, il mio primo romanzo "Arkandara - La Profezia" (Target 12+) e la mia raccolta di fiabe "Arkandara Tales" (Target 2-10)

Vi lascio qui i link di riferimento di entrambi:

"Arkandara - La Profezia" 


http://www.amazon.it/dp/B0824BTG46 (versione ebook Kindle)

"Arkandara Tales" 

https://www.amazon.it/dp/1694914690  (cartaceo)
https://www.amazon.it/dp/B08248ZJJ4  (ebook - con possibilità di leggere l'estratto le prime pagine)

Ed anche un piccolo video pubblicitario ^^

https://www.facebook.com/105221917611432/videos/2457932934465626/



venerdì 29 novembre 2019

Il Mio Primo Romanzo Pubblicato ^^

Grandi Notizie ^^
Ho il grande piacere di annunciarvi che Domenica 1 Dicembre uscirà sia in formato cartaceo che ebook il mio primo romanzo fantasy "Arkandara - La Profezia" ed anche una breve raccolta di fiabe / racconti brevi per i più piccoli "Arkandara Tales" con Copertine di Alessandra Cataldo

Stay tuned! ^^

                                 https://www.facebook.com/events/2475233569418559/



L'Angolo delle Recensioni: L'Annusatrice di Libri


L’Annusatrice di Libri
di
Desy Icardi


Ciao a tutti e bentrovati al nostro appuntamento settimanale con “L’Angolo delle Recensioni”. ^^
Oggi vi parlerò di un libro che, pur non essendo un fantasy, mi ha colpito notevolmente per la sua storia e la sua originalità: “L’Annusatrice di Libri” di Desy Icardi.

Ambientato nella Torino degli anni 50, il libro si concentra sulla storia di Adelina, una ragazzina di 14 anni che si è recentemente trasferita in città dalla zia Amalia, una ricca vedova, per studiare in una scuola di signorine perbene.
Ma per Adelina non è affatto facile vivere con sua zia: nonostante la sua ricchezza, Amalia è una donna molto parsimoniosa che vive con frugalità in un appartamento ingrigito e spoglio di ogni comodità e non le dedica molte attenzioni; la fa dormire in una camera dove non viene mai acceso il riscaldamento, su un letto sgangherato, e per pranzo, da mangiare a scuola, le dà sempre e solo panini con la frittata, molto unti e fatti con il pane del giorno dopo!
E a scuola è anche peggio: le sue compagne la prendono in giro perché non riesce a concentrarsi e a ricordare bene le lezioni, e mostra anche delle serie difficoltà nella lettura! E lei non riesce proprio a capire come mai!

Un giorno, dopo l’ennesima scena muta, il reverendo Kelley, un insegnante molto severo, decide di darle una possibilità di recuperare il giorno dopo se studierà insieme a Luisella Vergnano, la più brava della classe. Quest’ultima la invita a casa sua per aiutarla a colmare le sue lacune e qui avviene un fatto che ha dell’incredibile: mentre è davanti alla libreria, Adelina si accorge di poter leggere i libri che sono deposti tra gli scaffali con il semplice uso dell’olfatto!

La scoperta di questo dono straordinario non solo le permetterà di andare meglio a scuola, ma anche di poter riprendere a leggere con passione e conoscere molti altri libri solo annusandone le pagine! Tuttavia, questo dono nasconde anche qualcosa di oscuro: ogni volta infatti che Adelina finisce di annusare un libro, sente dei dolori alla testa che a poco a poco, divengono sempre più forti; e oltretutto le sue capacità faranno gola a qualcuno che tenterà di…

Non rivelerò altri particolari della trama per non rovinare la sorpresa, ma posso assicurarvi che se deciderete di leggere questo libro, non rimarrete affatto delusi dell’acquisto!
Vi basti sapere che, dopo averlo finito di leggere, ho sentito il bisogno di condividere questo piccolo capolavoro prestandolo a delle amiche ed anche a loro è piaciuto molto ^^

Questa storia è stata proprio una ventata d’aria fresca per me, in cui però c’era un profumo che ho sempre amato tanto: quello delle pagine dei libri!

Fin da piccola infatti ho sempre annusare le pagine dei libri che leggevo ed ogni volta mi sembrava che fosse diverso, e credo che per la maggior parte dei lettori sia così.
Proprio come la famosa citazione di Carlos Ruiz Zafón “entrai nella libreria e aspirai quel profumo di carta e magia che inspiegabilmente a nessuno era ancora venuto in mente di imbottigliare” chi infatti non ha mai avuto l’impulso di annusare una per una le pagine di un libro sia prima che durante la lettura? E fare lo stesso entrando in una libreria e cercando nuovi acquisti?
Questo è ciò succede alla protagonista, la quale annusando alcuni testi per leggerli sente che “alcuni odoravano di rose, martirio ed estasi; altri di pane e carità; altri  ancora avevano il sentore asprigno della pedanteria e l’appiccicoso aroma della retorica.” Attraverso tutti queste essenze e questi profumi, Adelina riesce a riaccendere la sua passione per la lettura che non riusciva più ad assaporare da quando si è trasferita da sua zia che insieme a tutti i suoi difetti, ha anche una fortissima avversione per i libri!

La zia Amalia non è affatto una donna cattiva, ma l’eccessiva frugalità con cui vive la fa apparire taccagna e spilorcia, oltre che poco attenta verso la nipote di cui dovrebbe invece prendersi cura. Ma vi assicuro che è un personaggio che riserva più di una sorpresa: infatti nel romanzo viene raccontata, a capitoli alterni, anche il suo passato e la sua gioventù che permetteranno ai lettori di comprendere cosa l’abbia portata a diventare così.

Torino, la città dove vengono ambientate le vicende di Adelina e sua zia è anche la città in cui è nata e vive l’autrice, Desy Icardi. Nota cabarettista dal 2006, in questo romanzo esprime tutto il suo amore per i libri e la lettura e il suo stile coinvolgente, unito ad una trama appassionante e scorrevole, crea una storia interessante in cui non ci si annoia mai e, ogni volta concluso un capitolo, si ha subito voglia di passare al prossimo per scoprire cosa succederà!

Un libro imperdibile per chiunque ami leggere e che ricorda a tutti il grande valore e l’importanza che hanno i libri nella nostra vita.


domenica 24 novembre 2019

Intervista con Donatella Perullo

Buongiorno a tutti ^^

Oggi ho il piacere di presentavi l'intervista fatta ad un'autrice che ho scoperto di recente e che mi ha colpito per il suo stile sia piacevole che coinvolgente:  Donatella Perullo, autrice di "Il Fato degli Dei - Lacrime d'Ametista".


1)      Raccontami un po’ di te… com’è nata la tua passione per la scrittura?
È nata quando avevo nove anni e tanta voglia di sognare. Il mio desiderio di avventura andava oltre le reali possibilità e mio padre m’indirizzò verso la lettura. Leggere mi aprì un mondo meraviglioso, ricco di possibilità infinite ma ben presto le storie raccontate da altri non mi furono più sufficienti e sentii il bisogno di creare io stessa le storie che mi sarebbe piaciuto vivere. Cominciò tutto con un racconto breve e da lì non sono mai più riuscita a fermarmi.

2)      E com’è cominciata la tua carriera di scrittore?
Non so se sia davvero cominciata. Come diceva il grande Eduardo De Filippo, “gli esami non finiscono mai” e io sto lavorando così alacremente per migliorarmi che non mi sento ancora una donna in carriera.

3)      Dove scrivi, di solito? Hai una stanza o un ambiente che prediligi?
Non ho una stanza tutta mia, perciò ho ricavato un angolo in camera da letto. Un cantuccio appartato e accogliente nel quale posso rintanarmi e lavorare tranquilla, protetta dalla fatidica porta chiusa, tanto raccomandata dal maestro Stephen King.

4)      Da dove trai l’ispirazione per le tue storie?
Non è facile spiegarlo e non c’è una regola ben precisa né un metodo. A volte basta uno sguardo, altre una frase ascoltata per caso, oppure un fatto di cronaca. Alcune volte sono stati i sogni, anche spaventosi, a ispirarmi personaggi.

5)      Oltre alla scrittura, hai altri Hobby?
Molti. Ovviamente in primis la lettura, ma amo anche disegnare e tutto ciò che è creativo.
Adoro andare a cinema e negli ultimi tempi ho scoperto il mondo dei Drama Orientali, in particolare coreani, che mi ha letteralmente rapita e mi ha aperto mente e cuore a un mondo fino a poco fa sconosciuto.

6)      Com’è stato vedere il tuo primo libro che veniva pubblicato?
È stata una strana sensazione, un misto d’incredulità ed emozione ma anche di paura. Un po’ come quando ho accompagnato per la prima volta mia figlia all’asilo, in fondo ogni romanzo che scrivo per me è quasi come un figlio.

7)      Ti senti vicino ad un personaggio dei tuoi romanzi, in particolare? Se si, quale?
In ogni mio personaggio c’è un po’ di me, anche quando m’illudo che non sia così, perciò se provo a pensare a quale di loro scegliere, mi scopro diversa eppure simile a ognuno di loro.


8)      Qual è il tuo libro preferito?
Ne ho tanti di libri che amo e che mi sono rimasti nel cuore, “Il buio oltre la siepe”, “Io sono leggenda”, “Jane Eyre”, tutto ciò che ho letto di Jane Austen, “Uomini e topi”, “Il signore delle mosche”… ma tra tutti non posso che scegliere “Il diario di Anna Frank” perché è stato il primo che, quando ero poco più che bambina, mi ha fatto battere forte il cuore.

9)      Quali sono i tuoi autori preferiti? Ritieni che abbiano influito sul tuo stile?


10)   Hai altri progetti per il futuro?
Molti! Ho da poco terminato di scrivere un nuovo noir, questa volta ambientato in un piccolo paese del Sannio e che ha come protagonisti i carabinieri. Ho terminato e rivisto il secondo volume dell’horror Nemesi e presto lo pubblicherò in self, scegliendo per lui la stessa strada del primo volume. Sto rivedendo la trilogia fantasy “Il fato degli dei”, una trilogia cui tengo moltissimo e il cui primo volume fu pubblicato anni fa da una piccola casa editrice e ho intenzione di trovare una nuova casa editrice per questa storia alla quale tengo molto.
Ho anche intenzione di scrivere un romanzo che avrà come protagonisti i ragazzi dell’Eremo, i poliziotti de “Il gioco del ragno”. Non ho tempo di annoiarmi, insomma!

C’è qualche altro genere letterario in cui vorresti metterti alla prova?
A dire il vero non saprei.
Nasco come autrice fantasy e la mia prima pubblicazione è stato proprio “Lacrime d’Ametista”, un romanzo di questo genere. Mi sono scoperta amante del poliziesco che è stato il primo a farmi raggiungere con “Il gioco del Ragno” l’importantissimo traguardo di una Casa editrice come la Fanucci. Mi sono divertita a scrivere uno zombie horror che mi ha dato molte soddisfazioni anche se pubblicata in self sulla piattaforma Amazon, e ho esordito con il genere Romance con “Dolce Risveglio” grazie alla Leggere Editore e ho pubblicato diversi racconti di narrativa.
Cosa mi manca… l’erotico? Non lo sento nelle mie corde, ma la creatività è imprevedibile e non bisogna metterle barriere.

11)   C’è qualche consiglio che vorresti dare a tutti gli aspiranti scrittori?
Non smettere mai di studiare e cercare di migliorarsi.
Leggere è fondamentale per imparare dalla bravura, ma anche dagli errori degli altri perciò si dovrebbe dedicare alla lettura lo stesso tempo che si offre alla scrittura.
Il mio consiglio più importante però è quello di non arrendersi mai e allo stesso tempo di non sentirsi mai pienamente soddisfatti dei risultati raggiunti.